Crea sito


– Lentamente muore chi non capovolge il tavolo, chi è infelice sul lavoro, chi non rischia la certezza per l’incertezza per inseguire un sogno, chi non si permette almeno una volta nella vita di fuggire ai consigli sensati. – (Pablo Neruda)

by Marco on novembre 11th 2014, nella categoria Cambiamenti, Paura, Vita

Siamo sempre alla ricerca della stabilità, soprattutto in ambito lavorativo. Quasi tutte le persone ambiscono al posto fisso, ad avere un contratto a tempo indeterminato, a legarsi per la vita ad un’azienda o ad un ufficio.
Questo perché abbiamo paura del futuro, di non riuscire a trovare un altro impiego, di non poterci mantenere, soprattutto in questi ultimi anni di crisi.
Ma quanto costa questa sicurezza economica? Se siamo fortunati e svolgiamo mansioni appaganti, soddisfacenti e siamo felici del nostro lavoro, allora ben venga questa fedeltà al posto fisso. Ma se invece, come è per molti, il prezzo per questa stabilità è l’insoddisfazione, allora forse il gioco non vale la candela.
In tanti sostengono che è vero che le ore trascorse a svolgere quel determinato impiego sono fonte di infelicità, ma perlomeno permettono di godersi il tempo libero con più serenità, senza l’ansia di non sapere se il mese successivo si riuscirà a pagare l’affitto e tutte le spese.
In parte è vero; questa situazione è migliore rispetto ad uno scenario nel quale si finisce in miseria e a vivere in povertà. Tuttavia esiste anche l’ipotesi che riusciamo a mantenerci facendo un lavoro che ci piace, che ci fa alzare la mattina contenti, che non ci fa sbuffare e ci dona soddisfazioni.
Bisogna avere il coraggio di seguire i propri sogni. Non è facile raggiungerli, ma quando si riesce si vive una vita appagante; si trova la felicità, perlomeno in ambito lavorativo

Comments are closed.


[email protected]